Alexandru Cazacu – Strainatate

Alexandru Cazacu – Strainatate

Alexandru Cazacu – Strainatate

Advertisements
Posted in Uncategorized | Leave a comment

Toate tarile lumii in care moldovenii pot merge fara vize!!

Visa_requirements_for_Moldovan_citizens  Moldova
  Fara viza
  Viza la intrare

Regimul de vize este o restricție administrativa de intrare impusa cetățenilor Republicii Moldova de către autoritățile altor state. În 2013, 59 de țări permiteau intrarea fara vize a cetatenilor moldoveni.
La 8 aprilie 2014, Uniunea Europeana publica in Jurnalul Oficial al UE decizia cu privire la eliminarea vizelor pentru cetăţenii Republicii Moldova, care a intrat în vigoare la 28 aprilie 2014.
Liberalizarea vizelor pentru cetăţenii Republicii Moldova este prevăzută în Regulamentul UE nr. 539/2001 privind lista ţărilor terţe ai căror resortisanţi trebuie să deţină viză pentru trecerea frontierelor externe şi a listei ţărilor terţe ai căror resortisanţi sunt exoneraţi de această obligaţie.
Regulamentul respectiv poate fi accesat pe pagina de Internet a Jurnalului Oficial al Uniunii Europene.

Astfel, din 28 aprilie 2014, cetatenii moldoveni pot merge fara viza in 26 de țări din Spațiul Schengen (toate, cu excepția Islandei), la fel, pot merge și in Bulgaria, Croația, Cipru și România, țări care aplică politica Schengen și, de asemenea, Monaco, San Marino și Vatican, țări care nu au controlul imigrației.

Regulamentul este valabil doar pentru cetatenii moldoveni care detin pasaportul biometric.

Iata situatia generala in lume (tradus si adaptat conform wikipedia). Acesta nu este un document oficial. Inainte de orice calatorie, asigurati-va ca aveti actele in regula sau contactati ambasada sau consulatul tarii in care mergeti!!

 Afghanistan Viza necesara
 Albania Viza necesara
 Algeria Viza necesara
 Andorra Viza nu este necesara
 Angola Viza necesara
 Antigua and Barbuda Viza nu este necesara 1 luna
 Argentina Viza necesara
 Armenia Viza nu este necesara
 Australia Viza necesara Poti depune on line
 Austria Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Azerbaijan Viza nu este necesara
 Bahamas Viza nu este necesara 3 luni
 Bahrain Viza necesara
 Bangladesh Viza la intrare in tara 30 zile
 Barbados Viza nu este necesara 28 zile
 Belarus Viza nu este necesara
 Belgium Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Belize Viza necesara
 Benin Viza necesara
 Bhutan Viza necesara
 Bolivia Viza la intrare in tara 90 zile
 Bosnia and Herzegovina Viza necesara
 Botswana Viza necesara
 Brazil Viza necesara Tratatul de scutire de vize semnat, dar inca nu a fost ratificat
 Brunei Viza necesara
 Bulgaria Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Burkina Faso Viza necesara
 Burundi Viza la intrare in tara 30 zile; se obtine la Aeroportul International din Bujumbura
 Cambodia Viza la intrare in tara 30 zile
 Cameroon Viza necesara
 Canada Viza necesara
 Cape Verde Viza la intrare in tara
 Central African Republic Viza necesara
 Chad Viza necesara
 Chile Viza nu este necesara
 China Viza necesara
 Colombia Viza necesara
 Comoros Viza la intrare in tara
 Costa Rica Viza necesara
 Côte d’Ivoire Viza necesara
 Croatia Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Cuba Viza necesara
 Cyprus Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Czech Republic Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Democratic Republic of the Congo Viza necesara
 Denmark Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Djibouti Viza la intrare in tara
 Dominica Viza nu este necesara 21 zile
 Dominican Republic Viza necesara
 Ecuador Viza nu este necesara 90 zile
 Egypt Viza necesara
 El Salvador Viza necesara
 Equatorial Guinea Viza necesara
 Eritrea Viza necesara
 Estonia Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Ethiopia Viza necesara
 Fiji Viza nu este necesara 4 luni
 Finland Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 France Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Gabon Viza necesara
 Gambia Viza necesara
 Georgia Viza nu este necesara
 Germany Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Ghana Viza necesara
 Greece Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Grenada Viza nu este necesara 4 luni
 Guatemala Viza necesara
 Guinea Viza necesara
 Guinea-Bissau Viza la intrare in tara 90 zile
 Guyana Viza necesara
 Haiti Viza nu este necesara 5 luni
 Honduras Viza necesara
 Hungary Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Iceland Viza necesara
 India Viza necesara
 Indonesia Viza necesara
 Iran Viza la intrare in tara Cu aplicarea conditiilor
 Iraq Viza necesara
 Ireland Viza necesara
 Israel Viza necesara
 Italy Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Jamaica Viza la intrare in tara
 Japan Viza necesara
 Jordan Viza necesara
 Kazakhstan Viza nu este necesara 90 zile
 Kenya Viza la intrare in tara 6 luni
 Kiribati Viza necesara
 Kuwait Viza necesara
 Kyrgyzstan Viza nu este necesara
 Laos Viza la intrare in tara 30 zile
 Latvia Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Lebanon Viza la intrare in tara 3 luni, in aeroportul Beirut pentru turisti, se cere numar de tel.si adresa din Liban a persoanei pe care o vizitati
 Lesotho Viza necesara
 Liberia Viza necesara
 Libya Viza necesara
 Liechtenstein Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Lithuania Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Luxembourg Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Macedonia Viza necesara
 Madagascar Viza la intrare in tara 90 zile
 Malawi Viza necesara
 Malaysia Viza nu este necesara 30 zile
 Maldives Viza la intrare in tara 30 zile
 Mali Viza la intrare in tara
 Malta Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Marshall Islands Viza necesara
 Mauritania Viza la intrare in tara
 Mauritius Viza la intrare in tara 60 zile
 Mexico Viza necesara
 Micronesia Viza nu este necesara 30 zile
 Monaco Viza nu este necesara
 Mongolia Viza necesara
 Montenegro Viza necesara
 Morocco Viza necesara
 Mozambique Viza la intrare in tara 30 zile
 Myanmar Viza necesara
 Namibia Viza nu este necesara 7 luni
 Nauru Viza necesara
 Netherlands Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 New Zealand Viza necesara
 Nicaragua Viza la intrare in tara 90 zile
 Niger Viza necesara
 Nigeria Viza necesara
 North Korea Viza necesara
 Norway Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Oman Viza la intrare in tara
 Pakistan Viza necesara
 Palau Viza la intrare in tara 30 zile
 Panama Viza nu este necesara 180 zile
 Papua New Guinea Viza necesara
 Paraguay Viza necesara
 Peru Viza nu este necesara 183 zile
 Philippines Viza necesara
 Poland Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Portugal Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Qatar Viza necesara
 Republic of the Congo Viza necesara
 Romania Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Russia Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile
 Rwanda Viza necesara Visa can be obtained online.[149]
 Saint Kitts and Nevis Viza necesara Poti obtine viza on line
 Saint Lucia Viza la intrare in tara 6 saptamani
 Saint Vincent and the Grenadines Viza nu este necesara 1 luna
 Samoa Permis la intrare in tara 60 zile
 San Marino Viza nu este necesara
 São Tomé and Príncipe Viza necesara Poti obtine viza on line
 Saudi Arabia Viza necesara
 Senegal Viza necesara
 Serbia Viza necesara
 Seychelles Permis de visitator la intrare in tara 1 luna
 Sierra Leone Viza necesara
 Singapore Viza necesara Poti obtine viza on line
 Slovakia Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Slovenia Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Solomon Islands Viza necesara
 Somalia Viza la intrare in tara 30 zile, cu prezentarea invitatiei din partea persoanei la care mergeti
 South Africa Viza necesara
 South Korea Viza necesara
 South Sudan Viza necesara
 Spain Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Sri Lanka Autorizatie electronica de calatorie 30 zile
 Sudan Viza necesara
 Suriname Viza necesara
 Swaziland Viza necesara
 Sweden Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
 Syria Viza necesara
 Tajikistan Viza nu este necesara
 Tanzania Viza la intrare in tara
 Thailand Viza necesara
 Timor-Leste Viza la intrare in tara 30 zile
 Togo Viza la intrare in tara 7 zile
 Tonga Viza necesara
 Trinidad and Tobago Viza necesara
 Tunisia Viza necesara Nu este necesara pentru turistii veniti cu agentiile de turism oficiale
 Turkey eVisa 1 luna, trebuie sa ajungi cu avionul
 Turkmenistan Viza necesara
 Tuvalu Viza la intrare in tara 1 luna
 Uganda Viza la intrare in tara se poate intra si cu viza pentru Kenya sau Rwanda.
 Ukraine Viza nu este necesara
 United Arab Emirates Viza necesara
 United Kingdom Viza necesara
 United States Viza necesara
 Uruguay Viza necesara
 Uzbekistan Viza nu este necesara
 Vanuatu Viza necesara
 Venezuela Viza necesara
 Vietnam Viza necesara
 Yemen Viza necesara
 Zambia Viza la intrare in tara 90 zile
 Zimbabwe Viza necesara
Nepal Viza la intrare in tara 90 zile
Switzerland Viza nu este necesara 90 zile in intervalul de 180 zile in Zona Schengen
Vatican City Viza nu este necesara
Posted in Activităţi de promovare, Activităţi de utilitate socială | Tagged , , , , , , , , , , | Leave a comment

NOTA CONGIUNTURALE MOLDAVIA (Novembre 2009, Istituto nazionale per il Commercio Estero)

CONGIUNTURA

Secondo i dati del BNS (Ufficio Nazionale di Statistica) il valore del Prodotto Interno Lordo nella Repubblica Moldavia nel primo semestre del 2009 è stato di 27.869,0 milioni di Lei (La moneta nazionale della Moldavia è il leu moldavo (MDL) , ai prezzi correnti, in diminuzione del 7,8 % rispetto al 1 primo semestre del 2008. Il valore del PIL in dollari USA nel primo semestre del 2009 è stato di 2.554,4 milioni, al cambio medio semestrale della BNM (Banca Nazionale della Moldavia) di 1 dollaro USA = 10,91 lei.

L’andamento del PIL negli ultimi anni è stato il seguente:

1

Considerando il peso dei principali settori produttivi sul calo del 7,8% del PIL, il settore dei servizi ha contribuito per il 2,2%, l’industria per il 3,6% e le imposte nette per l’2%.

Prendendo invece in considerazione il  contributo delle principali  categorie di risorse alla formazione del PIL nel primo semestre 2009, si evidenzia il forte peso dei servizi, con una quota del 66,7%, mentre l’industria ha rappresentato il 12,7% del PIL, l’agricoltura il 7,1% e le imposte nette sui prodotti l’15,3%.

Tutti i settori produttivi hanno risentito degli effetti della crisi nel primo semestre 2009; i cali più accentuati rispetto al primo semestre 2008 riguardano l’industria (-24,4%), mentre i servizi sono calati del 3,4%. L’agricoltura, la silvicoltura e la pesca hanno avuto una tendenza inversa, registrando un aumento del 2,1%.

Il tasso di disoccupazione nel primo semestre 2009 è stato del 6,1% con un aumento del 3,1% rispetto al primo semestre 2008 (quando è stato registrato un tasso del 3,0%). Il numero dei disoccupati ufficialmente registrati, all’1 luglio 2009, secondo i dati dell’Agenzia Nazionale per il Lavoro, è stato di 35,1 mila unità.

I dati pubblicati dell’Istituto Nazionale di Statistica indicano un tasso medio di inflazione nel primo semestre del 2009 dell’1,1%; nel primo semestre del 2008 il tasso medio d’inflazione è stato del 15,5%.

Nel paese è in vigore un regime di cambio a fluttuazione controllata. Nel 2008 la valuta si è apprezzata grazie all’afflusso di  rimesse, aiuti  internazionali  e investimenti.  Tuttavia, nel  primo semestre del  2009,  dall’intensificarsi delle turbolenze finanziarie, le crescenti pressioni sulla valuta hanno indotto la Banca centrale ad intervenire per difendere il leu da un’eccessiva svalutazione.  A fronte di un cambio medio del primo semestre del 2008 di 16,36 Lei per Euro (nel secondo semestre del 2008: 14,23 Lei per Euro), si è registrato nel primo semestre 2009 un tasso medio di cambio di 14,59 Lei per Euro.

Il tasso medio con il dollaro USA nel primo semestre del 2009 è stato invece di 1 $USA = 10,91 MDL. Nel primo semestre del 2008 il tasso medio di cambio è stato 1 $USA = 10,7 MDL, mentre del secondo semestre 1 $USA = 10,1 MDL.

Il salario medio mensile nel periodo gennaio – giugno 2009 è stato di 2.674 lei (circa 245 dollari USA), in aumento dell’8,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Le rimesse dei lavoratori moldavi all’estero, che provengono principalmente da Russia e Italia, hanno raggiunto nel periodo gennaio-giugno 2009 un valore di 514,76 mln. di $USA e sono diminuite di 241,12 mln. di $USA (-31,3%) rispetto allo stesso periodo del 2008 (755,88 mln. Di $USA). Secondo le previsioni degli economisti, le rimesse potrebbero scendere alla fine del 2009 fino ad un valore pari alla metà di quello registrato nel 2008.

Nel  primo semestre del  2009 Il deficit di  conto corrente è stato di 287,07 milioni di USD determinato principalmente del deficit della bilancia commerciale.

Il debito estero è diminuito dello 0,5% al 30 giugno 2009 rispetto al 31 dicembre 2008, arrivando a 4.083,8 milioni di $USA.

PRODUZIONE INDUSTRIALE E AGRICOLA

Nel primo semestre 2009 si è assistito ad un calo della produzione industriale del 24,4% rispetto al periodo gennaio – giugno 2008, per gli effetti negativi della crisi economica internazionale sulla domanda e sui redditi della popolazione.

Gli effetti negativi della crisi si sono sentiti in particolare nell’industria mineraria (dell’estrazione) che ha subito un vero e proprio crollo (del 41%) rispetto al primo semestre 2008 mentre per l’industria alimentare e delle bevande la diminuzione è stata del 6,8% rispetto al primo semestre del 2008.

La produzione agricola nel periodo gennaio – giugno 2009 ha raggiunto un valore di 2.631,4 milioni di lei (circa 241 milioni di $USA), con un aumento del 2,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Tale incremento nella produzione agricola è stato determinato da un aumento della produzione nel settore zootecnico (+5,1%). La produzione vegetale invece, ha registrato un calo dell’11,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

RISCHIO PAESE

La Moldavia è inserita nella categoria SACE di rischio alto 7/7, con condizioni di assicurabilita’ chiuse per il  rischio sovrano e aperte per il  rischio bancario e corporate.

I principali rischi sono legati secondo la SACE alla situazione politica. Le elezioni di aprile hanno innescato tensioni e violente proteste da parte dell’opposizione, aumentando l’instabilità’  politica del  Paese. Resta insoluta la questione della Transnistria.  Il  settore bancario è debole e troppo concentrato e nonostante

alcuni miglioramenti, necessita ancora di profonde riforme.

Ad aprile 2009 l’agenzia di  valutazione economica FITCH  ha affermato che il livello del rischio paese “B-“ (categoria “Speculative grade – Limitata sicurezza del pagamento di principale e interessi”) potrebbe essere rivisto al ribasso se la situazione politica incerta persiste.

L’agenzia di valutazione Moody’s ha ritirato tutti i rating della Moldavia ad ottobre 2009, perche gli specialisti dell’agenzia hanno considerato che le informazioni sul paese sono insufficienti per mantenere i rating.  Al momento del ritiro Moldavia registrava il rating “B3”.

AVVENIMENTI POLITICI E RAPPORTI INTERNAZIONALI

La Moldavia è una Repubblica parlamentare unicamerale. Il 5 aprile 2009 si sono svolte le elezioni  alla scadenza del mandato dei parlamentari (in carica per 4 anni).

La campagna elettorale é stata abbastanza dura, ricca di accuse reciproche tra i partiti di centro destra, in quel momento all’opposizione, e il Partito dei Comunisti della RM, al Governo.

Le elezioni si  sono svolte il  7 aprile 2009 in un clima molto acceso, sotto il controllo degli osservatori del CSI e dell’OSCE che le hanno riconosciute valide.

Dopo la chiusura delle urne, tre partiti  – Alleanza Moldavia Nostra (AMN),  il Partito dei Liberali Democratici di Moldavia (PLDM) e il Partito Liberale (PL) – hanno contestato la regolarità delle elezioni.

Tale situazione ha alimentato un forte malcontento popolare che è sfociato in manifestazioni di piazza dal 6 all’8 aprile 2009 nel centro della capitale Chisinau, con violenti scontri tra giovani studenti ed oppositori e la polizia.

Dopo due tentativi consecutivi falliti di eleggere il Presidente della Repubblica (candidato principale Zinaida Greceanii),  il Presidente Vladimir Voronin,  ha sciolto il  Parlamento ed ha indetto elezioni  anticipate del  Parlamento della Repubblica Moldavia.

Le nuove elezioni, che si sono svolte il 29 luglio 2009, hanno permesso al Partito Democratico di  moltiplicare di  quasi  sette volte il  suo risultato (dal  1,9%  a 12,54%) rispetto alle elezioni precedenti e di formare un’alleanza compatta con altri tre partiti: PLDM, PD ed AMN.

Il  Presidente della Repubblica Moldavia,  Vladimir Voronin,  ha rassegnato le dimissioni e la

carica di Presidente è stata dichiarata vacante ed assegnata, come previsto della Costituzione, al Presidente del Parlamento, On. M.Ghimpu, che ha affidato l’incarico di costituire il nuovo Governo al leader del PLDM, Vlad Filat.

Il nuovo Governo guidato dall’attuale Primo Ministro Vlad Filat, che ha ricevuto la fiducia il 18 settembre 2009, è così composto:

Primo Ministro – Vlad Filat

Ministro Affari Esteri e per l’Integrazione Europea – Iurie Leancă

Ministro dell’Economia – Valeriu Lazăr

Vice Primo Ministro per la reintegrazione del paese – Victor Osipov

Ministro delle Finanze– Veaceslav Negruţă

Ministro della Giustizia– Alexandru Tănase

Ministro per la Sanità – Vladimir Hotineanu

Ministro dell’Interno – Victor Catan

Ministro della Difesa – Vitalie Marinuţa

Ministro della Gioventù e dello Sport – Ion Cebanu

Ministro dell’Ambiente – Gheorghe Şalaru

Ministro dei Trasporti e delle infrastrutture – Anatol Şalaru

Ministro per le Costruzioni e lo Sviluppo Regionale – Marcel Răducan

Ministro della Cultura – Boris Focşa

Ministro del Lavoro, Protezione Sociale e la Famiglia – Valentina Buliga

Ministro dell’Agricoltura e l’Industria Alimentare – Valeriu Cosarciuc

Ministro dell’Educazione – Leonid Bujor

Ministro delle Tecnologie e della Comunicazione – Alexandru Oleinic

Riguardo ai rapporti bilaterali con l’Italia, da segnalare l’incontro nel maggio 2009 tra il Vice Primo Ministro e Ministro dell’Economia e del Commercio Igor Dodon ed il  Vice Ministro allo Sviluppo Economico italiano Adolfo Urso.  L’incontro èstato organizzato nell’ambito di una visita ufficiale di una delegazione italiana in

Moldavia, durante la quale il Vice Ministro Urso ha ufficialmente aperto il Punto di Corrispondenza ICE a Chisinau e anche un ufficio della società italiana per la cooperazione economica FINEST.

Durante gli incontri, le parti hanno effettuato uno scambio di opinioni riguardo all’evoluzione socio-economica della Repubblica Moldavia e dell’Italia sullo sfondo della crisi economica mondiale. Il Vice Ministro Urso ha dichiarato che l’Italia continua ad essere interessata a sviluppare accordi di collaborazione industriale con le industrie moldave in vari  settori  produttivi,  come l’industria tessile, l’industria delle calzature, le costruzioni, la logistica, l’energia, l’industria agroalimentare.

Le parti  hanno concordato di  intensificare i  rapporti  bilaterali  tramite l’organizzazione di conferenze e incontri settoriali tra operatori economici moldavi ed italiani.

INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI

Gli investimenti diretti esteri nel primo semestre del 2009 hanno raggiunto un valore di solo 33,9 milioni di USD rispetto ai 303,8 milioni di USD dello stesso periodo del 2008,  con un netto calo dell’88,9% causato dagli  effetti  negativi della crisi economica internazionale ma sopratutto dalla crisi politica del paese, che ha ridotto i flussi di capitali esteri.

ll volume globale degli investimenti diretti esteri (IDE) in Moldavia ha raggiunto al 30 giugno 2009 il valore di 2.475,9 milioni di USD. Nel diagramma seguente è riportata l’evoluzione degli IDE nel periodo 2001 – 2008 e le previsioni per il 2009.

Investimenti Diretti Esteri (flussi netti) nel periodo 2001- 2008 e le previsioni per il 2009  

2

Il forte calo degli investimenti esteri é attribuibile, come già accennato, agli effetti negativi della crisi economica internazionale e della crisi politica interna.

La povertà,  l’eccessiva burocrazia e la corruzione rendono il paese poco attraente per gli investitori internazionali e ne ostacolano l’attività’ di business.

Attualmente é  in corso il  processo di  privatizzazione di  aziende pubbliche, operanti  in diversi  settori  (alimentare, agricolo,  edile, alberghiero,  commercio, varie industrie di lavorazione e trasformazione, trasporti, turismo ecc.) attraverso le gare bandite dall’Agenzia di Privatizzazione presso il Ministero dell’Economia e il Commercio.

Tale situazione contrasta con l’andamento degli investimenti esteri fino al 2008 che è stato in continuo incremento, per una serie di condizioni favorevoli tuttora presenti  e che potrebbero favorire una ripresa degli  investimenti  una volta superata la crisi economica e politica: basso costo della manodopera, prospettive di  crescita produttiva,  regime preferenziale con la Csi  che favorisce le esportazioni dei beni prodotti in Moldavia, incentivi fiscali.

A tale riguardo va menzionata la Legge n.111-XVI del 27.04.2007 in base alla quale dal 2008 gli  utili reinvestiti  delle società residenti non sono soggetti  a tassazione e pertanto l’aliquota d’imposta è dello 0%;  in caso di distribuzione degli utili ai soci (persone fisiche o giuridiche, residenti o non residenti), viene

mantenuto il prelievo fiscale sui dividendi, con un’aliquota del 15%.

PRINCIPALI PAESI INVESTITORI

Considerando invece il numero di nuove imprese a partecipazione estera (dati della Camera di Registrazione di Stato), nei primi nove mesi del 2009 sono state registrate in Moldavia 68 nuove aziende, portando a 7.068 il numero totale di  imprese estere dal 1994. Anche in questo caso i  dati sono inferiori rispetto al primo semestre 2008 (-79,3%), quando erano state registrate ben 328 nuove aziende estere.

3

Negli  ultimi  3 anni  l’Italia ha incrementato la propria posizione sul mercato moldavo diventando uno dei principali paesi investitori. L’Italia si posiziona al quarto posto per numero di aziende, con 736 aziende a partecipazione italiana registrate nel paese e operanti maggiormente nella municipalità di Chisinau (oltre

l’80% delle aziende). Gli investimenti più significativi  sono stati realizzati  nel settore finanziario,  immobiliare e commercio all’ingrosso. Si  nota anche un aumento delle imprese attive nel settore dell’IT e della comunicazione.

Nella tabella della pagina seguente è illustrata la ripartizione per provincia delle società italiane attive in Moldavia, in ordine di numero di presenze. I dati sono aggiornati al 31 dicembre 2008, quando erano attive 696 aziende.

PRESENZA SOCIETА’ ITALIANE NELLE PROVINCE DELLA MOLDAVIA AL 31.12.2008

4

Relativamente alle doppie imposizioni sui redditi,  non esiste un trattato tra Italia e Moldavia,  ma le delegazioni  politiche dei  due Paesi  sono da tempo impegnate nella stesura del testo definitivo da sottoporre ai rispettivi Governi per la ratifica.

Attualmente è ancora in vigore la Convenzione tra il Governo della Repubblica Italiana e il Governo dell’Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche per evitare le doppie imposizioni sui redditi, firmata a Roma il 26 febbraio 1985 e ratificata in Italia con la Legge n. 311 del 19.07.2008, la cui applicazione è stata

estesa ai Paesi ex membri dell’Unione tra cui la Moldavia.

COMMERCIO ESTERO

Secondo i dati pubblicati dall’Ufficio Nazionale di Statistica, il valore complessivo delle esportazioni  realizzate nel primo semestre del 2009 è stato di  580,8 milioni di $USA, mentre quello delle importazioni è stato di 1.497,8 milioni di $USA. Rispetto allo stesso periodo del 2008 le esportazioni sono diminuite del

20,7% e le importazioni del 35,8%.

La pesante riduzione delle importazioni, determinata da un calo della domanda e dei consumi interni, ha ridotto il deficit commerciale (import – export) nel primo semestre del 2009 a 917 milioni di USD, 684 milioni di USD in meno rispetto al primo semestre del 2008.

Con i Paesi dell’Unione Europea la bilancia commerciale ha registrato un deficit di  311,2 milioni  di  USD  (nel  periodo gennaio-giugno 2008 di  648,2 milioni  di dollari),  con i Paesi  della CSI  di 349,5 milioni  di  dollari  (nel  periodo gennaio-giugno 2008 – 540.6 milioni USD).

Bilancia commerciale della Moldavia (valori in milioni di $USA e variazioni %)

5

Commercio Estero.  Nel  primo semestre 2009 le esportazioni  moldave hanno raggiunto un valore di  580,8 milioni  di  USD,  in calo del  20,7%  rispetto al corrispondente periodo del 2008.

Le esportazioni di merci destinate ai paesi dell’Unione Europea (UE 27) hanno raggiunto un valore di 313,9 milioni di USD (-17,6% rispetto al periodo gennaio-giugno 2008) e rappresentano il 54% delle esportazioni complessive (52,1% nel periodo gennaio-giugno 2008).

I  Paesi CSI  sono stati  destinatari  delle esportazioni  della Moldavia,  con una quota del 36,3% (39,4% nel periodo gennaio-giugno 2008),  per un valore di 210,9 milioni di dollari americani. Le esportazioni di beni verso questi paesi sono diminuite del 27% rispetto al gennaio-giugno 2008.

6

Le importazioni di merci nel primo semestre 2009 hanno raggiunto un valore di 1.497,8 milioni di USD, in calo del 35,8% rispetto alle stesso periodo del 2008.

Le importazioni dai paesi dell’Unione Europea sono state pari a 625,1 milioni di dollari (39,3% in meno

rispetto al periodo gennaio-giugno 2008),e rappresentano il  41,7% delle importazioni  totali  (44,1%  nel  periodo gennaio-giugno 2008).

Le importazioni provenienti dai paesi CSI sono state pari a 560,4 milioni di USD (-32,4%  rispetto

a gennaio-giugno 2008),e costituiscono il 37,4% delle importazioni totali (35,6% nel periodo gennaio-giugno 2008).

Importazioni della Moldavia – Principali Paesi fornitori I sem. 2009

7

L’Italia scende di una posizione nella classifica dal quinto al sesto posto, anche se aumenta la sua quota nelle esportazioni dal 6,6 nel primo semestre del 2008 al 7% nel primo semestre del 2009. La nuova entrata nella classifica dei primi 10 paesi fornitori e il Kazakistan che passa da una quota del solo 0,7% nel primo

semestre del 2008 al 11,1% nel primo semestre del 2009, con un aumento di più di 9 volte.

Di seguito si riportano i dati relativi all’interscambio moldavo per principali gruppi merceologici.

8a

8b

INTERSCAMBIO CON L’ITALIA

Nonostante la forte contrazione degli scambi commerciali, l’Italia resta uno dei principali partner della Repubblica Moldava; nel primo semestre 2009 è in terza posizione tra i  Paesi  destinatari  dell’export moldavo (dopo Romania e Russia) con una quota sul totale dell’11%, e in sesta posizione tra i Paesi

fornitori (dopo Ucraina,  Kazakistan,  Russia, Romania e Germania),  con una quota sul totale del 7%.

Nella tabella seguente é  illustrato l’andamento dell’interscambio tra Italia e Moldavia nel periodo 2008 – 2009.

Interscambio Moldavia – Italia

9

Analizzando la composizione merceologica, si  nota una preponderanza, nell’export  verso l’Italia, dei  prodotti del  tessile – abbigliamento e delle pelli grezze e conciate.

Export dalla Moldavia verso l’Italia

10

10b

10c

Nell’import dall’Italia, le voci principali sono rappresentate dai prodotti del tessile-abbigliamento e dai macchinari, apparecchiature ed impianti elettrici.

11

11b

ATTIVITÀ PIÙ RECENTI  DELLE IMPRESE ITALIANE NELLA REPUBBLICA MOLDOVA

La maggior  parte delle aziende italiane presenti  in Moldova é costituita da piccole e medie imprese, ma iniziano ad operare importanti realtà imprenditoriali che trasferiscono in Moldova considerevoli investimenti finanziari e tecnologici: da menzionare al riguardo la presenza del  gruppo CEDACRI SpA,

il  più importante polo italiano di servizi informatici per il settore bancario e finanziario che ha inaugurato,  nell’aprile 2008,  una nuova sede nella capitale moldava Chisinau. La BIOGAS INTER, società italiana con sede a Chisinau partecipata al 51% da Unendo Energia (Gruppo AFIN e ADAF GRUP, costituito da 11 società attive nei settori del real estate, finanziario e ambientale), é impegnata in un importante progetto di  produzione di  energie rinnovabili da biogas  nel  rispetto delle disposizioni del Protocollo di Kyoto.

L’azienda italiana AREA (“Azienda Recupero Energia Ambiente”),  una società pubblica che fornisce servizi ambientali nella provincia di Ferrara, sta valutando l’opportunità di realizzare in un distretto rurale moldavo un progetto pilota per la produzione di energia elettrica e termica da fonti rinnovabili disponibili localmente

–          SEA (“System  for  Energy Autonomy”) – per favorire l’autonomia energetica locale.

La società SIMI – Sistemi Immobiliari Moldo-Italiani, società che conta dieci soci, tutti imprenditori italiani, rappresentativi del settore edile e industriale parmense, sta realizzando un progetto, TECNOPARK, che consiste nella costruzione di un parco industriale con tecnologie europee. Il complesso industriale-artigianale in fase di realizzazione è situato nella zona industriale del quartiere Ciocana della capitale moldava Chisinau e si estende su una superficie di circa 85 000 mq., con un totale di  50 000 mq.  di  spazio coperto.  Il  comparto industriale sarà composto di più capannoni prefabbricati, ognuno divisibile in moduli, al fine di assicurare la massima flessibilità secondo le necessità dei  clienti.

La realizzazione di  tutti gli  elementi  prefabbricati  avviene con l’utilizzo delle casseforme e attrezzature italiane e con il contributo di progettisti, ingegneri e costruttori italiani e moldavi. Nell’ottobre 2009 è stato inaugurato il primo lotto del comparto tecnologico-logistico.

È  importante sottolineare anche la crescita degli  investimenti nel  settore bancario,  con l’apertura di filiali  o l’acquisizione di  rilevanti  quote societarie di banche moldave da parte di  istituti  di credito esteri.  Il  GRUPPO VENETO BANCA é presente in Moldova dal 1994, ha acquistato nel 2006 la Eximbank e ha attualmente un volume di affari di oltre 120 milioni di euro, considerando il capitale sociale, le attività finanziarie e immobiliari. Da menzionare anche l’ingresso del  gruppo francese Societe Generale nel  capitale azionario della Mobiasbanca.

La presenza italiana è concentrata soprattutto nella Municipalità della Capitale, Chisinau,  e in alcune zone del  Nord (municipalità di  Balti  e alcuni  distretti circostanti),  Centro (distretto di  Ungheni,  Orhei  e Hincesti) e Sud (distretto di Cahul); gli investimenti italiani in Moldova riguardano prevalentemente il settore immobiliare,  edile e le attività labour intensive dei  settori  dell’abbigliamento, tessile,  maglieria e calzature con tipologie di  lavorazione per conto terzi  di materie prime o semilavorati provenienti dall’Italia. Recentemente si è assistito ad un’evoluzione della presenza imprenditoriale italiana, con l’affermarsi di joint ventures  o contratti con produttori  locali  per  la fornitura di  software, l’assemblaggio di parti meccaniche o di beni strumentali, materiali ed attrezzature per l’edilizia civile ed industriale.

Riguardo alla presenza di enti a partecipazione pubblica, nel maggio del 2009 è stato aperto a Chisinau un Ufficio della FINEST, società a partecipazione pubblica che ha lo scopo di  accordare assistenza agli  imprenditori  italiani provenienti dal Nord Est d’Italia.

Finest è la finanziaria per gli imprenditori del Nord Est, nata nel 1991 con legge dello Stato (19/1991) al fine di agevolare o sviluppo delle attività economiche e della cooperazione internazionale nel territorio.

Promuove la cooperazione economica con i Paesi dell’Europa Centro-Orientale e balcanica, la Russia e la comunità degli Stati Indipendenti, il Nord Asia e i territori baltici e caucasici, fornendo alle aziende gli strumenti finanziari per l’internazionalizzazione in questi Paesi.

PREVISIONI E PROGRAMMI DI SVILUPPO

Dopo il calo del 7,8% del PIL registrato nel primo semestre 2009 in Moldova, le stime medie pubblicate nel  “Transition Report  2009” della BERS indicano un ulteriore calo nel secondo semestre,  che dovrebbe portare ad un decremento dell’8,5% rispetto al 2008.

Per il 2010 si prevede una ripresa della crescita economica che dovrebbe portare ad un incremento del PIL dello 0,5%.

Il  tasso di  inflazione medio annuo stimato per il  2009 (nello stesso Transition Report 2009) è dell’1,4% (rispetto al 12,8% del 2008) mentre per il 2010 il tasso annuo stimato è del 4,3%.

Per il 2009 è atteso un ulteriore apprezzamento del cambio $USA – Leu rispetto al 2008 e si prevede il raggiungimento di un cambio medio annuale intorno al valore di 11,79 lei per 1 $USA (rispetto al cambio medio nel 2008 di 10,39 lei per 1 $USA).

Riguardo agli  investimenti  esteri,  dopo l’exploit  del 2008 si  prevede una netta diminuzione, per gli effetti della crisi economica. Le stime del FMI, della BERS e delle banche centrali riportate nel “Transition Report 2009” prevedono per il 2009 un valore di solo 75 milioni di $USA, con un calo di ben l’89% rispetto al 2008.

Uno degli elementi di maggiore debolezza che alla base della forte contrazione dell’attività’ economica nel 2009 é costituito dall’elevato debito estero.

Il  28 ottobre 2009 il governo moldavo ha comunicato di  aver raggiunto un accordo con il Fondo Monetario Internazionale per un prestito di 590 milioni di dollari. Questo accordo è di vitale importanza per la Moldavia, visto che il debito pubblico ha raggiunto il 9,5% del PIL.

A maggio 2009 si  era concluso il  programma triennale con il  FMI –  PRGF (Poverty Reduction and Growth Facility).

Le autorità moldave si sono impegnate a riservare la massima attenzione ai vari aspetti oggetto di preoccupazione nelle istituzioni europee. Come dichiarato dal Presidente Voronin, la Moldova dovrà uniformarsi alle strategie individuate nel piano di  azione proposto dall’UE,  al  fine di  garantire un’adeguata crescita economica e sociale.  Il  Governo sta compiendo molti  sforzi  per favorire l’adeguamento agli standard europei. Il Piano Nazionale di Sviluppo fino al 2012 si  pone come principali  obiettivi  la riduzione della povertà, l’accesso della popolazione alla pubblica istruzione, le pari opportunità per le donne, la riduzione della mortalità infantile,  miglioramenti delle condizioni  della maternità,  la lotta contro l’AIDS/HIV,  il miglioramento delle condizioni ambientali del  Paese e lo sviluppo di rapporti di partenariato a livello internazionale. Secondo le indicazioni contenute nel  Piano Nazionale,  per  realizzare tali  obiettivi è necessario assicurare la stabilità economica del  Paese e l’ulteriore consolidamento dei rapporti tra le pubbliche autorità centrali e locali.

Il Governo ha approvato inoltre il programma statale per il supporto delle piccole e medie imprese per il 2009-2011. Il Vice Premier e Ministro dell’economia e del commercio, Igor Dodon, ha dichiarato che il programma prevede il funzionamento e il miglioramento della base legislativa per regolare le attività imprenditoriali  ed ampliare l’accesso delle piccole e medie imprese al finanziamento. Il piano regola le questioni sugli aiuti statali, crediti bancari o una parziale copertura dei tassi di interesse annuali sui crediti da parte dello Stato, lo sviluppo dell’infrastruttura,  la riforma della formazione professionale e il  suo adattamento ai requisiti dell’industria contemporanea.

Nel contesto degli obiettivi previsti dal Piano Nazionale di Sviluppo, prioritario per il  Governo di  Chisinau rimane il consolidamento dei  rapporti  con l’Unione Europea, l’ONU e le istituzioni finanziarie europee e mondiali. La Commissione Economica per L’Europa delle Nazioni  Unite (UNECE) sosterrà la Repubblica

Moldova nella Strategia Nazionale di Sviluppo (SNS) per il periodo 2008 -2011.

L’UNECE accorderà assistenza tecnica alla Moldova organizzando conferenze, attività di training, visite di studio con la partecipazione di esperti di alto livello per suggerire gli  interventi  da realizzare nell’ambito della Strategia Nazionale di Sviluppo.

Per il 2009 si prevede che la Moldova riceverà assistenza esterna per un totale di  145,7 milioni  di  USD  pari  all’1,9% del  PIL del  Paese.  Secondo i dati  del Ministero delle Finanze moldavo, questo importo comprenderà sussidi destinati al sostegno del budget pubblico pari a 61,2 milioni di USD, e 84,5 milioni di USD da utilizzare per progetti  con finanziamenti  esterni.  I  principali  donatori  per il sostengo del budget nel 2009 saranno la Commissione Europea con 53,4 milioni di USD, l’Olanda con 4,4 milioni di USD e la Gran Bretagna con 3,4 milioni di USD, mentre sono previsti  anche importanti  sussidi per la realizzazione di

progetti da parte sempre della Commissione Europea – 56 milioni di USD – della la Banca Mondiale – 2,9 milioni di USD – e dal Fondo Globale per la lotta alla malaria, tubercolosi e HIV – 5,2 milioni di USD.

Da segnalare anche la presenza di  alcune zone franche in cui è  possibile effettuare investimenti  usufruendo di importanti  agevolazioni  fiscali,  quali l’esenzione dall’IVA, dalle tasse doganali e dalle accise, per i beni importati e prodotti all’interno della zona franca.

Da citare al riguardo un importante investimento, quello del Porto internazionale Libero di  Giurgiulesti (PILG),  di  cui è proprietaria la società Danube Logistics, registrata nella repubblica Moldova e i cui azionisti principali sono una holding olandese e la BERS. Si tratta di un porto fluviale sul basso Danubio,  in territorio moldavo,  capace di accogliere anche le imbarcazioni marittime grazie ad un canale artificiale di collegamento con il Mar Nero. Situato nel Sud del Paese, al confine con la Romania (e quindi con l’Unione Europea) e con l’Ucraina, il PILG gode di una posizione strategica in un’area particolarmente adatta allo sviluppo di rotte internazionali trimodali (trasporto su acqua, rotaia, strada) destinate al commercio e al trasporto delle merci. La superficie totale di 120 ettari del Porto ha uno statuto di zona economica libera e pertanto i servizi ed i beni importati ed esportati o in transito non sono soggetti a dazi doganali e non sono assoggettati ad IVA o accise, ma solamente ad una tassa nominale per le procedure doganali, offrendo ottime opportunità per gli investitori nazionali ed internazionali, che vi possono sviluppare insediamenti produttivi con condizioni fiscali molto vantaggiose e disponibilità di manodopera.

Nel  porto è prevista la costruzione entro il  2010 di  un terminale merci multifunzionale con infrastrutture di carico/scarico, trasporto e stoccaggio merci.

Un’altra zona franca che può attrarre investimenti  è  quella dell’Aeroporto Internazionale Libero di  Marculesti”,  creata dal Governo e dal  Parlamento della Moldova, con Legge nr. 178-XVI del 10.7.2008, e che sarà attiva per un periodo di  25 anni,  per accelerare lo sviluppo dei  trasporti  e dei  servizi  aerei orientati all’esportazione della produzione industriale.

L’Aeroporto Libero occupa una superficie di  265 ettari,  è di proprietà dell’Impresa di Stato “Aeroporto Internazionale Marculesti” ed offre agli investitori nazionali  e stranieri un ottimo ambiente per gli  investimenti in un regime di esenzione fiscale, con la possibilità di sviluppare attività commerciali quali: –  prestazione di servizi di terra e di trasporto aereo; commercio all’ingrosso di merci, escluse quelle non destinate ad uso civile;

– produzione e trasformazione industriale di beni;

– lavorazione di prodotti agro-alimentari;

– concessione dei servizi a pagamento ai residenti dell’Aeroporto Libero ed alle società estere;

– altre attività accessorie,  come i  servizi  pubblici,  il deposito,  la costruzione, locazione e/o noleggio, ecc., necessarie per eseguire le attività elencate.

Dotato delle migliori piste di partenza/atterraggio per gli aerei cargo e di buone infrastrutture aeroportuali,  l’Aeroporto Marculesti  può diventare un importante punto di  riferimento per le aziende che operano nella Repubblica Moldova.

Attualmente nella zona libera dell’Aeroporto sono registrate 5 aziende che intendono svolgere attività di trasporto aereo di merci con aeromobili di grandi dimensioni, attività logistiche, la costruzione dei terminali, ecc.

Si prevede che sul territorio dell’Aeroporto Internazionale Libero “Marculesti” sarà creato un centro logistico internazionale,  con l’implementazione di  moderne tecnologie per la produzione e i servizi.

Fonti:

1.Biroul National de Statistica. http://www.statistica.md

2.Organizatia de atragere a investitiilor si  promovare a exporturilor din Moldova (MIEPO). http://www.miepo.md

3.Institutul pentru dezvoltare si initiative sociale (IDIS). http://www.viitorul.org

4.Banca Nazionale della Moldavia http://www.bnm.md

5.Transition Report 2009 – BERS

6.SACE – http://www.sace.it

7.Camera di Registrazione di Stato http://www.cis.gov.md

Posted in Activităţi de promovare, Economic, Invest in Moldova, MOLDOVA TURISTICA, Turismo d'affari, Uncategorized | Tagged , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

INDIRIZZI UTILI IN REPUBBLICA MOLDOVA

AGENZIE DI PROMOZIONE E RAPPRESENTANZE ITALIANE

 AMBASCIATA E CONSOLATO D’ITALIA A CHISINAU

Via Vlaicu Pircalab, 63, Chisinau, Moldova

Tel. 373 22 201996

Tel. 01505 (fissi da Moldova)

Tel. 39 899033110 (da Italia)

E-mail: vizaitalia@email.it

Ambasciatore: Stefano De Leo

Console: Bruno Castelani

 

AIIM – ASSOCIAZIONE DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI IN MOLDOVA

Via Negruzzi 5, Chisinau

Tel/Fax: 373 22 21 16 36

E-mail: aiimmd@yahoo.it; Sito: www.aiimd.org
Presidente: Cav. Stefano Mercuri

CAMERA DI COMMERCIO ITALO-MOLDAVA

Via Puskin, 47/1, bloc A-2, Chisinau

Tel.: 373 22 929005

Fax 373 22 211838

E-mail: info@cameraitalomoldava.it; Sito: www.acim.md

Presidente: Giovanni Bentini
Segretario: Vittorio Ghinassi

CCI-MD – CAMERA DI COMMERCIO E INDUSTRIA MOLDO-ITALIANA

Via Vlaicu Pircalab, 63, Chisinau,
5 –o piano, of. A2

Tel. 373.22.855.600, 855.601
Fax 373.22.855.666
E-mail: info@ccimd.eu; Sito: www.ccimd.eu

Presidente: Roberto Pace

EXIMBANK GRUPPO VENETO BANCA

Viale Stefan cel Mare si Sfint, 171/1, Chisinau

Tel.: 373 22 301102

Fax: 373 22 601611

SWIFT: EXMMMD22

E-mail: info@eximbank.com; Sito: www.eximbank.md

Responsabile Eximbank di Veneto Banca Holding: Sergio Dalpiaz

Direttore Generale: Marcel Chirca

 

 

ENTI MOLDAVI

PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA DI MOLDOVA

www.presedinte.md

GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI MOLDOVA

www.gov.md

CENTRO FIERISTICO MOLDEXPO

www.moldexpo.md

 

CAMERA DI COMMERCIO E INDUSTRIA DELLA REPUBBLICA MOLDOVA

Via Stefan cel Mare,151, Chisinau
Tel. 373 22 22152
Fax 373 22 234425
E-mail: camera@chamber.md; Sito: www.chamber.md

Dipartimento Relazioni Esterni

Tel: 373 22 23 53 32
Fax: 373 22 22 13 91
E-mail: foreign@chamber.md

Presidente: Cucu Gheorghe

MIEPO – ORGANIZZAZIONE PER LA PROMOZIONE DEGLI ESPORTAZIONI DELLA REPUBBLICA MOLDOVA

Via Alexe Mateevici, 65, Chisinau
Tel: 373 (22) 242 111, 214 066
Fax: 373 (22) 243 619, 224 310

E-mail: andrei.trifautan@miepo.md Sito: www.miepo.md

Direttore Dipartimento Attrazione Investimenti Esteri: Andrei Trifautan

 

IL PORTO INTERNAZIONALE LIBERO DI GIURGIULESTI (PILG)

DANUBE LOGISTICS SRL

Via Mihai Viteazul 2/2, Chisinau

Tel: 373 22 293 491, 373 22 882 732

Fax: 373 22 292 855

E-mail: info@danlog.md; Sito: www.gifp.md

Direttore Porto: Edgar Martin

 

 

PRINCIPALI ALBERGHI

 

CLUB ROYAL PARK 5*

Via Trandafirilor, 6/2, Cisinau,

Tel.: 373 22 57 40 80

Fax: 373 22 57 40 84

E-mail: hotel@clubroyalpark.md ; Sito: www.clubroyalpark.md

DACIA HOTEL 4*

Via 31 August, 135, Chisinau

Tel.: 373 22 232251

Fax: 373 22 234647

E-mail: info@hotel-dacia.com;  Sito: www.hotel-dacia.com

BUDAPEST HOTEL 4*

Via Timis, 19, Chisinau

Tel.: 373 22 245123; 924331

Fax: 373 22 245123

E-mail: info@budapest-hotel.md; Sito: www.budapest-hotel.md

JOLLY ALON HOTEL 4*

Via Maria Cebotari, 37, Chisinau

Tel.: 373 22 232233

Fax: 373 22 232870

E-mail: reservation_t@jollyalon.com; Sito: www.jollyalon.com

LEOGRAND HOTEL AND CONVENTION CENTRE 4*

Via Mitropolit Varlaam, 77, Chisinau

Tel.: 373 22 201201

Fax: 373 22 201222

E-mail: info@leograndhotels.com; Sito: www.leograndhotels.com

CODRU HOTEL 4*

Via 31 August, 127, Cisinau

Tel.: 373 22 208104

Fax: 373 22 237948

e-mail: reception@codru.md; Sito: www.codru.md

FLOWERS HOTEL 4*

Via Anestiade, 7, Chisinau

Tel.: 373 22 260202

Fax: 373 22 277 244

E-mail: flowers@elita5.md; Sito: www.hotelflowers.md

ELAT HOTEL 3*

Via Columna, 140/1, Chisinau

Tel.: 373 22 292574

Fax: 373 22 292530

E-mail: info@elathotel.md ; Sito: www.elathotel.md

VILLA NATALI HOTEL 3*

Via Sfatul Tarii 15, Chisinau

Tel.: 373 22 233663

Fax: 373 22 238837

E-mail: villanatali@gmail.com; Sito: www.villanatali.com

LUNA HOTEL 3*

Via Petru Movila, 4, Chisinau

Tel.: 373 22 233523

Fax: 373 22 233522

E-mail: receptionist@hotel-lunalux.com; Sito: www.hotel-lunalux.com

JAZZ HOTEL 3*

Via V. Pircalab, 72, Chisinau

Tel.: 373 22 212626

Fax: 373 22 213379

E-mail: jazz_hotel@hotmail.com; Sito: www.jazz-hotel.md

Posted in Activităţi de promovare, Invest in Moldova, MOLDOVA TURISTICA, Uncategorized | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Moldova: il paradiso possibile

mdLa Moldova (o Moldavia) è un piccolo Stato indipendente dell’Europa racchiuso tra la Romania e l’Ucraina. Ha circa 3.728.353 abitanti. Già facente parte dell’Unione Sovietica, è indipendente dal 1991. La capitale è Chisinau. (663.400 abitanti al 01.01.2010). La Moldova è una repubblica parlamentare e dall’indipendenza la Moldova è ufficialmente uno Stato neutrale. La lingua ufficiale e maggioritaria sancita dalla costituzione è il moldavo, di ceppo neo-latino, variante della lingua rumena. Il nome italiano di questo Paese è Moldavia. Tale nome appare ai Moldavi molto simile alla denominazione russa, per questo essi preferirebbero veder usato il nome Moldova, come nella lingua locale. Ciò ha fatto sì che oggi in italiano siano usate entrambe le varianti.

Economia e Società

indlearLa Moldova è un paese agricolo – industriale. L’agricoltura e l’industria contribuiscono con il 37% alla formazione del Prodotto Interno Lordo che, nel 2009, è stato di 60043 mln. lei. L’industria è concentrata in particolare alla lavorazione della materia prima agricola, in più è rappresentata dall’industria leggera, dalla lavorazione del legno e dalla costruzione delle macchine e attrezzature. Però l’economia dipende per larga parte dall’agricoltura e dai suoi prodotti: frutta, verdura, vino e tabacco; scarse sono le materie prime. La Moldova deve quindi importare, principalmente dalla Russia, petrolio, carbone e gas naturale. Questa mancanza di materie prime ha portato ad un rapido declino della produzione e quindi dell’economia dopo il distacco dall’Unione Sovietica nel 1991. Per realizzare un piano di liberalizzazioni economiche, la Moldova ha introdotto una nuova moneta convertibile, il leu (dal 29 novembre 1993), ha liberalizzato tutte le tariffe, ha smesso di accordare privilegi fiscali alle aziende di stato, ha privatizzato i terreni, ha rimosso ogni controllo statale alle esportazioni e ha liberalizzato i tassi d’interesse. Le riforme economiche in Moldova sono sostenute dalle organizzazioni economiche e finanziarie internazionali. Cominciando dal 1992, quando Moldova ha aderito al Fondo Monetario Internazionale, alla Banca Mondiale e alla BERS ha beneficiato di tanti investimenti da parte di strutture finanziarie e bancarie internazionali e di alcuni Stati come Romania, Russia, USA, Italia, Germania, Giappone ed altri, promuovendo la crescita economica del paese. Dall’anno 2000 si è assistito ad una costante crescita. Questo ha portato ad ottenere significativi progressi dal punto di vista della stabilizzazione economica e finanziaria. Il paese ha inoltre avviato molte riforme strutturali ed istituzionali indispensabili per l’efficiente funzionamento di un’economia di mercato.

Investire in Moldova

geDal punto di vista pratico, le buone ragioni per investire in Moldova sono davvero tante: ambientali, fiscali, economiche, logistiche, ma principalmente puntando sulle risorse umane. Un Paese straniero rappresenta, pur sempre, qualche disagio, a partire dalla lingua, specialmente per chi va a lavorare per la prima volta lontano da casa. Sapere, quindi, di trovare gente cordiale e disponibile, moderna e aperta ai rapporti, con abitudini del tutto simili alle nostre, ma meno ‘violentata dal progresso’: gente, insomma, ancora non inaridita dalla modernità e dalla globalizzazione, non può che rassicurare e far piacere. I giovani moldavi sono ben preparati, ferrati nelle nuove tecnologie, forti di una non comune capacità di adattamento, pronti a lavorare a ritmi serrati. Ma l’aspetto umano non sminuisce le altre ragioni e, prima fra tutte, la possibilità di realizzare dei manufatti a prezzi fortemente concorrenziali nei confronti di buona parte dei Paesi in via di sviluppo. La particolare situazione economica della Moldova fa si che la retribuzione media di un operaio sia oggi molto contenuta, seppure a fronte di una grande capacita e professionalità. Il basso costo del lavoro si rivelerà il volano di un boom economico che abbiamo già visto realizzarsi in altre parti del mondo.

Moldova: porta di un immenso mercato

estE poi non dimentichiamo che c’e un immenso mercato, rappresentato da tutti quei Paesi che facevano parte dell’Unione Sovietica e che oggi hanno necessità di un po’ di tutto. Ebbene, un accordo gia operativo consente il libero scambio delle merci (quindi senza alcuna barriera doganale) fra la Moldova e tutti gli Stati Indipendenti della ex U.R.S.S. La Repubblica Moldova diventa, cosi, una porta privilegiata per accedere al mercato dei Paesi dell’Est, per la maggior parte orientati ormai verso un consumismo di tipo occidentale che procedera di pari passo con il benessere interno. La Moldova, quindi, è da considerare come base operativa decentrata ad Est: un ponte lanciato verso i nuovi mercati di sbocco rappresentati dalla C.S.I. (Comunità di Stati Indipendenti) a partire dalla Russia.

Moldova: la vocazione europea.

ueLa Moldova aspira a far parte dell’Europa, un desiderio che ha alla base la chiara ‘vocazione’ europea di questa giovane Repubblica. E, un po’ Europa, lo è già, a ben guardare la sua posizione geografica, la sua storia, le sue tradizioni e la sua cultura. L’integrazione nell’Unione Europea rappresenterebbe, per la Moldova, una condizione ed un traguardo importanti per garantire al suo interno la stabilità economica, la sicurezza ed il progresso dei suoi cittadini. Fin dai primi anni della sua indipendenza, la Moldova ha intrapreso il cammino verso l’economia di mercato. Ora, in seguito agli accordi stipulati di recente fra la Russia e la NATO, la via dell’integrazione europea diventa certamente più agevole. La Re- pubblica Moldova, dal canto suo, fa di tutto per essere presente in tutte le strutture della cooperazione europea: fa già parte, con tutti i diritti, dell’’OSCE (L’’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione Economica), del Consiglio d’Europa, della Commissione Economica ONU per l’Europa, e di tanti altri importanti organismi politici mondiali.

Fonte: http://www.iecim.it

Posted in Activităţi de promovare, Economic, Invest in Moldova, MOLDOVA TURISTICA, Social, Turismo d'affari | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments

Diaspora îşi cere dreptul la vot

ImpreunaCetăţenii R. Moldova, stabiliţi în diverse regiuni ale Italiei, s-au întrunit să discute problemele cu care se confruntă cei de acasă, dar şi să propună soluţii pentru acestea. Deşi s-au stabilit peste hotare, toţi recunosc că doresc stabilitate pentru cei rămaşi în R. Moldova. Totodată, sunt îngrijoraţi de faptul că, deseori, drepturile lor cetăţeneşti sunt neglijate.

Florenţa, Italia, a fost gazda unei Conferinţe a diasporei moldoveneşti. Este un eveniment inedit prin faptul că a fost organizat din propria iniţiativă a cetăţenilor R. Moldova, stabiliţi în Italia, care susţin vectorul european de dezvoltare şi care sunt îngrijoraţi de instabilitatea social-politică din R. Moldova. Au participat circa 80 de persoane care, la rândul lor, au depus Comitetului organizatoric listele a sute de persoane care au luat cunostinţă şi au semnat Declaraţia către cetăţenii R. Moldova, stabiliţi în Italia. Aici este semnalată îngrijorarea moldovenilor plecaţi, din diferite motive, în străinătate (motivul principal fiind situaţia social-economică precară din R. Moldova), pentru criză politică ce afectează implementarea reformelor şi modernizarea instituţiilor statale.

Semnatarii Declaraţiei cer să nu le fie încălcate drepturile de cetăţeni ai R. Moldova. «Se apropie, inevitabil, următoarele alegeri politice din R. Moldova, când cetăţeanul de rând va putea, prin votul său, să contribuie nemijlocit la viitorul ţării. Dar oare noi, cei din diasporă, vom avea cu toţii posibilitatea să ne exercităm acest drept constituţional?», îşi arată neliniştea moldovenii din Italia. «Cui să-i încredinţăm votul nostru, care poate fi determinant pentru realizarea dezideratului de integrare în Uniunea Europeană şi de revitalizare a vetrei strămoşeşti? Suntem convinşi că patriotismul poate şi trebuie manifestat din plin şi în afara graniţelor Patriei», adaugă ei.

Cetăţenii R. Moldova din diasporă îşi mai doresc să se implice plenar în viaţa socială şi politică prin iniţiative concrete de conlucrare cu factorii de decizie din R. Moldova, să le fie luate în considerare poziţia critică şi atitudinea fermă în cazurile de încălcări grave ale principiilor statului de drept. Deşi aflaţi în străinătate, aceştia declară că vor să contribuie la dezvoltarea ţării şi speră să poată reveni cândva acasă. Ei cer asigurarea dreptului lor la vot; facilitarea reintegrării în economia naţională a cetăţenilor plecaţi peste hotare; recunoaşterea stagiului de muncă peste hotare a cetăţenilor moldoveni; crearea unui Stat de Drept în R. Moldova; eliminarea corupţiei, în special în cadrul Guvernului şi a Parlamentului; crearea unui Consiliu Consultativ al Diasporei Unite din Italia.

În continuare, a fost abordată tema consolidării Comunităţilor cetăţenilor R. Moldova în Italia şi implicarea lor în viaţa social-politică, fiind prezentate relatări constructive şi analitice, cum ar fi: asigurarea dreptului electoral pentru toţi cetăţenii R. Moldova prezenţi în Italia în scopul participării active la viitoarele alegeri parlamentare; promovarea tinerelor talente în viaţa socială şi economică a R. Moldova; implementarea unor proiecte de colaborare între originarii din R. Moldova stabiliţi în Italia şi comunităţile de baştină; promovarea proiectelor de consolidare a diasporei din diferite ţări ale lumii prin intermediul turismului solidar şi a schimburilor culturale.

Conferinţa a pus baza Consiliului Consultativ al Diasporei numit «SOLIDARITATE». Tot atunci, prin vot unanim, Eduard Gherciu, medic de profesie, a fost ales preşedinte al Consiliului.

Sursa: Ziarul de Garda

Posted in Activităţi de promovare, Activităţi de utilitate socială, PRESA | Tagged , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Campania “Nimeni nu e singur pe pămînt”

Proiectia spectacolului“NIMENI NU E SINGUR PE PĂMÂNT” PRIMA CAMPANIE DE INFORMARE ŞI SENSIBILIZARE A CETĂŢENILOR MOLDOVENI MIGRANŢI ÎN ITALIA.
Autorităţile moldovene şi cele italiene au decis să îşi unească eforturile în scopul unei mai bune gestionări a fluxurilor migraţionale prin intermediul proiectului „Abordarea efectelor negative ale migraţiei asupra minorilor şi familiilor rămase în ţară”.

Evenimentul a fost organizat de Asociaţia de promovare socio-culturală moldo-italiană “DOR” din Parma – duminică, 19 mai, ora 15:00 în incinta cunoscutului Auditorium Toscanini din or.Parma. Intrarea a fost gratuită. Toţi cei prezenţi au primit materiale informative, broşuri şi cărţi le tema migraţiei. Toate materialele au fost distribuite gratuit.

Moldovenii din Parma au avut ocazia să mediteze asupra avantajelor şi dezavantajelor migraţiei, asupra efectelor negative şi pozitive ale acesteia.

La eveniment au fost prezenţi mai mulţi reprezentanţi ai diasporei, preşedinţi ai asociaţiilor moldoveneşti din Italia, cît şi reprezentanţi şi coordonatori de programe ai Organizaţiei Internaţionale pentru Migraţie (OIM).

Mulţumim tuturor iniţiatorilor şi facilitatorilor acestui proiect. Mulţumim tuturor celor care au fost prezenţi la eveniment şi au participat activ în dezbaterile de la sfîrşitul spectacolului.

http://www.youtube.com/watch?v=UZ4xhLPDc8E

O parte din Grupul de initiatori şi facilitatori ai proiectului

Mai multe informaţii despre proiect, vezi aici.

Posted in Activităţi de utilitate socială | Tagged , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Campania “Nimeni nu e singur pe pămînt” a ajuns la Parma

Parma, 19 mai, ora 15:00 tel.3286755582

Apasă click pentru a mări poza !!

“NIMENI NU E SINGUR PE PĂMÂNT” PRIMA CAMPANIE DE INFORMARE ŞI SENSIBILIZARE A CETĂŢENILOR MOLDOVENI MIGRANŢI ÎN ITALIA.
Autorităţile moldovene şi cele italiene au decis să îşi unească eforturile în scopul unei mai bune gestionări a fluxurilor migraţionale prin intermediul proiectului „Abordarea efectelor negative ale migraţiei asupra minorilor şi familiilor rămase în ţară”.

Evenimentul va fi organizat de Asociaţia de promovare socio-culturală moldo-italiană “DOR” din Parma – duminică, 19 mai, ora 15:00. Adresa: Parma, Auditorium Toscanini, via Cuneo, 3/b. Intrare GRATUITĂ. Toate detaliile la tel. 3286755582

Campania oferă suport informaţional migranţilor moldoveni, concentrându-se asupra necesităţilor de ordin social, juridic, psihologic, precum şi a comunicării la distanţă cu familia, oportunităţilor economice şi serviciilor de reintegrare la întoarcere în Moldova.

Un alt rezultat remarcabil al campaniei este crearea şi consolidarea unei reţele a asociaţiilor diasporei care în prezent adună sub auspiciile sale peste 20 de asociaţii, având capacitatea şi experienţa necesară pentru implementarea de noi activităţi destinate cetăţenilor moldoveni care locuiesc în Italia.

Utilizând limbajul artistic ca mijloc pentru abordarea problemelor cauzate de migraţie, (separarea de membrii de familie; încălcarea drepturilor migranţilor în ţara gazdă; lipsa infomaţiei sau a accesului la serviciile sociale, juridice sau educaţionale; problemele cu care se confruntă copiii şi alţi membri de familie rămaşi în ţară; violenţa ş.a.), campania  îndeamnă migranţii moldoveni din diasporă să reflecte asupra nevoilor şi provocărilor cu care se confruntă şi să le exprime deschis. Ecranizarea spectacolului “Oameni ai nimănui“  serveşte, astfel, drept punct de pornire pentru discuţii şi dialog constructiv.

Iniţiativa s-a bucurat de o reacţie pozitivă pe măsură din partea participanţilor, arătând că există spaţiu pe viitor pentru cooperare şi eforturi comune similare şi în alte oraşe dau chiar ţări în care sunt prezenţi migranţii moldoveni.

Evenimentul va fi organizat de Asociaţia de promovare socio-culturală moldo-italiană “DOR” din Parma – duminică, 19 mai, ora 15:00. Adresa: Parma, Auditorium Toscanini, via Cuneo, 3/b. Intrare GRATUITĂ. Toate detaliile la tel. 3286755582

Invităm toţi doritorii!!!

Apasă click pentru a mări imaginile de mai jos:

nimeniCamp

nimeniCamp2

Surse info: http://www.iom.md, tunuestisingur.blogspot.it

Posted in Activităţi de utilitate socială | Tagged , , , , , , , , | 1 Comment

MĂRŢIŞOR 2013. Un concert de suflet cu “CATHARSIS” la Parma

CATHARSIS.BRDÎn data de 24 martie 2013, Asociaţia “DOR” a organizat la Parma un concert de suflet cu binecunoscuta fomaţie “CATHARSIS”. Ion Razza şi Mihai Budurin (MARTIN), membrii formaţiei, au încîntat publicul din Parma cu piesele lor, devenite hit-uri de-a lungul anilor. Moldovenii nu au rezistat să stea pe scaune şi au dansat în Auditoriul Toscanini, amintindu-şi de ţară şi de tot ce-i frumos în ea.
Concertul formaţiei “CATHARSIS” este unul din şirul de evenimente organizate de Asociaţia “DOR” în cadrul “MĂRŢIŞOR 2013”.
Moldovenii duc dorul şi au nevoie mereu de această hrană spirituală, rămasă acasă. Avem nevoie de cultură, de muzică bună.
Cum spunea Eminescu: “N-avem oşti, dară iubirea de moşie e un zid…”.
Asociaţia “DOR” ţine să mulţumească mult membrilor formaţiei “CATHARSIS”, d-nului Ion Razza şi Mihai Budurin pentru momentele execpţionale oferite şi pentru muzică de calitate.
La fel, ţinem să mulţumim din susflet Biroului pentru Relaţii cu diaspora al RM şi, în special, D-nului Victor Lutenco pentru receptivitate şi operativitate. Cînd o instituţie este condusă de un manager bun, lucrurile vor merge bine, indiferent de situaţie. Mulţumim!


În cadrul evenimentului, au avut loc donaţii de carte pentru copii, vezi aici mai multe detalii.

Posted in Activităţi culturale | Tagged , , , , , , | 1 Comment

Donaţii de carte pentru copii cu susţinerea BRD

_DSC0057În data de 24 martie 2013, în cadrul concertului formaţiei “CATHARSIS” la Parma, Asociaţia “DOR” a organizat donaţii de carte pentru copii.
În scopul menţinerii şi promovării literaturii de acasă, copiii au primit în dar “Albinuţa” lui Gr.Vieru. Cartea noastră de căpătîi, cu care am crescut şi care, pentru mulţi dintre noi a fost o primă piatră de temelie spre întinsurile necuprinse ale culturii şi literarurii.
Donaţiile au fost posibile mulţumită Biroului pentru Relaţii cu Diaspora al R.Moldova, căruia ţinem să-i mulţumim pe această cale.
Menţinerea şi promovarea culturii poporului nostru peste hotare este unul din scopurile-cheie ale asociaţiei noastre.
În cadrul aceluiaşi eveniment, cu suportul asociaţilor noştri a fost posibilă şi o altă donaţie de carte. “Isprăvile lui Guguţă” au ajuns la copiii moldovenilor din regiune, pentru a le aminti încă o dată că avem şi noi cultură şi literatură de valoare, care se poziţionează perfect la nivel internaţional, doar că, atît adulţii, cît şi copiii, trebuie să se întoarcă la ea ori de cîte ori au posibilitatea.
Mulţumim încă o dată tuturor celor care ne susţin în acţiunile noastre! Doar împreună suntem o forţă!!

Vezi aici mai multe detalii despre donaţiile de carte pentru copii din cadrul evenimentului “Un mărţişor de la Guguţă”.

Posted in Activităţi culturale, Activităţi de utilitate socială, CARITATE, Donaţii | Tagged , , , , , , , | 1 Comment