Storia della Repubblica Moldova

Moldavia storica

Moldavia storica

Il principato raggiunse la massima fioritura sotto il regno di Ştefan cel Mare (Stefano il Grande, 1457-1504). Nel 1484, tuttavia, la zona costiera a nord del Danubio venne conquistata dall’Impero ottomano (“Bessarabia storica”). Il principato di Moldavia divenne quindi tributario dell’Impero Ottomano nel 1538.

Nel 1775 l’Impero Austriaco occupò la parte nord-occidentale (Bucovina) e nel 1812, l’Impero Russo occupò la metà orientale del principato, (Bessarabia).

Alexandru Ioan Cuza

Alexandru Ioan Cuza

Nel 1859, Alexandru Ioan Cuza unì la restante parte occidentale del principato di Moldavia e la Valacchia nel regno di Romania. Dopo la prima guerra mondiale Transilvania, Bucovina e Bessarabia furono riunite alla Romania.

A seguito del patto Molotov-Ribbentrop nel giugno 1940, l’armata rossa occupò la Bessarabia che, con l’assenso della Germania nazista, fu annessa all’Unione Sovietica, la quale si annesse anche la Bucovina settentrionale, territorio la cui acquisizione non era prevista dai protocolli segreti del Patto Molotov-Ribbentrop che parlavano esplicitamente di Bessarabia in un contesto generico di Europa sud-orientale (la Bucovina era invece Mitteleuropa) come zona di interesse sovietico[5]. Durante l’avanzata in territorio romeno, l’armata rossa si impadronì anche del Territorio di Hertza, abitato quasi interamente da romeni, appartenuto alla Romania già antecedentemente alla prima guerra mondiale che non solo non era previsto nei protocolli del patto Molotov-Ribbentrop, ma neppure contemplato nell’ultimatum sovietico. In seno all’URSS l’Ucraina si prese la Bucovina settentrionale, tutto il Territorio di Hertza e parte della Bessarabia, compresa la fascia costiera sino al delta del Danubio. Con il resto fu creata la Repubblica socialista sovietica moldava che si prendeva il lembo occidentale della preesistente Repubblica Autonoma Moldava, mentre la restante parte di detta repubblica, compresa la vecchia capitale Balta (oggi in Podolia) fu annessa all’Ucraina.

Nel 1941 la Romania entrò in guerra a fianco delle Potenze dell’Asse, recuperando Bessarabia e Bucovina, ma a partire dal 20 agosto del 1944 questi territori furono riconquistati dall’Armata Rossa e attribuiti all’URSS dal trattato di pace. Con l’avvento della guerra fredda l’Unione Sovietica si appropriò anche dell’Isola dei Serpenti (unica isola in mare aperto della Romania) per farne una base militare. All’interno dell’URSS fu ristabilita la Repubblica socialista sovietica moldava con i confini del 1940 che la privavano dello sbocco sul Mar Nero che storicamente invece esisteva: Cetatea Alba.

Moldova attuale

Moldova attuale

A partire dal 1969 si sviluppò a Chişinău un “Fronte Nazionale Patriottico” clandestino, che auspicava la creazione di una “Repubblica Democratica Moldava”, separata dall’Unione Sovietica con la recondita aspirazione di un’annessione alla Romania. I tre leader del Fronte (Alexandru Usatiuc-Bulgar, Gheorghe Ghimpu e Valeriu Graur) vennero arrestati nel 1971.

Nel febbraio del 1988 si ebbe una prima dimostrazione a Chişinău, nella quale si chiedeva l’uso ufficiale della lingua moldava in sostituzione del russo, utilizzo che venne sancito il 31 agosto 1989. Nel 1990 si tennero le prime elezioni per il parlamento, vinte dal “Frontul Popular”, il cui leader, Mircea Druc costituì il primo governo. La repubblica sovietica divenne prima “Repubblica Socialista Sovietica Moldava” e quindi “Repubblica Moldava”, divenuta indipendente il 27 agosto del 1991, con gli stessi confini stabiliti nel 1940.

Frontul Popular

About Asociatia de promovare socio-culturala moldo-italiana "DOR"

Asociaţia “DOR” este o organizaţie non-profit şi îşi propune să organizeze activităţi de utilitate socială cu implicarea membrilor asociaţi si terţe persoane. Odnoklassniki: http://www.odnoklassniki.ru/moldovenii.inparma Facebook: https://www.facebook.com/asociatiamoldoitaliana.dor
This entry was posted in Turismo culturale and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s